Salta la navigazione

dal 1 al 4 luglio 2021, Archivio di Stato, Napoli

nell’ambito del CAMPANIA TEATRO FESTIVAL XIV edizione

ANTENATE

il tempo del ricordo nella casa delle storie

una performance teatrale nell’archivio storico di Napoli

ideata e curata da F.PL. FEMMINILE PLURALE

in coproduzione con ARCHIVIO DI STATO NAPOLI

ideazione e cura: Marina Rippa per f.pl. femminile plurale

messinscena: Marina Rippa, con Monica Costigliola e Fiorella Orazzo

scene e oggetti: Monica Costigliola, Massimo Staich

grafica: Massimo Staich

disegno luci e tecnica: Desideria Angeloni

organizzazione: Lucia Borriello

foto: Sara Petrachi / KontroLab

video: Isabella Mari

con: le partecipanti a LA SCENA DELLE DONNE – percorsi teatrali con le donne a Forcella

Una volta sognai di raccontare delle storie

e di sentire qualcuno che mi toccava affettuosamente il piede per incoraggiarmi.

Abbassai lo sguardo e scoprii di trovarmi sulle spalle di una vecchia

che mi teneva forte le caviglie e mi sorrideva.

Le dissi: – No, no, vieni tu sulle mie spalle

perché tu sei vecchia e io sono giovane -.

– No, no -, insistette, – così dev’essere -.

Vidi che lei stava sulle spalle di una donna molto più vecchia,

che stava sulle spalle di una donna ancora più vecchia,

che stava sulle spalle di una donna col mantello,

che stava sulle spalle di un’altra anima,

che stava sulle spalle…

Clarissa Pinkola Estés

Donne che corrono coi lupi”

il nostro contributo all’azione ideata dal Teatro Trianon Viviani,

l’Altra Napoli, la Fondazione Banco di Napoli

e il comitato dei commercianti di Forcella

12 febbraio 2021

—————————————————————————

dal 25 novembre 2020

D-Madre Ri-belle

sconvenienze, ribellioni e altre faccende

ph. Sara Petrachi

un progetto 

della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee

Regione Campania

e dell’Associazione Culturale f.pl. femminile plurale

per Sviluppo Campania

online sui canali digitali del Madre dal 25 novembre 2020
Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

———————–

ideazione e cura

Marina Rippa per f.pl.femminile plurale

video: Isabella Mari per Parallelo 41

foto: Sara Petrachi / KontroLab

con la collaborazione di: Fiorella Orazzo, Lucia Borriello, Monica Costigliola

con

Amelia Patierno, Anna Bani, Anna Liguori, Anna Manzo, Anna Marigliano, Anna Patierno, Antonella Esposito, Flora Faliti, Flora Quarto, Giustina Cirillo, Giusy Capuano, Giusy Esposito, Ida Pollice, Iolanda Vasquez, Melina De Luca, Nunzia Patierno, Patrizia Iorio, Rosa Tarantino, Rosalba Fiorentino, Rosetta Lima, Rossella Cascone, Susy Cerasuolo, Susy Esposito, Susy Martino, Tina Esposito

—————————–

Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee

Madre · museo d’arte contemporanea Donnaregina

in collaborazione con

f.pl. femminile plurale

nell’ambito del progetto D-Madre

realizzato in collaborazione con

Assessorato alle Pari Opportunità della Regione Campania

e Sviluppo Campania

presenta

RI BELLE

ribellioni, sconvenienze ed altre faccende

LA SCENA DELLE DONNE – percorsi teatrali con le donne a Forcella incontra il Museo Madre e l’arte contemporanea

ideazione e cura: Marina Rippa per f.pl. femminile plurale

collaborazioni: Monica Costigliola, Fiorella Orazzo, Lucia Borriello, Desideria Angeloni

foto e video: Sara Petrachi, Isabella Mari

Ri belle è un percorso teatrale ideato da Marina Rippa e prodotto dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee / museo Madre di Napoli.

Attraverso il laboratorio teatrale, le storie di artiste provenienti da varie discipline (da quella coreutica a quella culinaria, da quella circense a quella letteraria…) si intrecciano con quelle personali delle donne che compongono il gruppo.

Ri belle vuole narrare la forza del momento in cui ci si determina e si decide di “rompere” con gli schemi.

Le storie incontreranno gli spazi del museo e le opere della collezione permanente, per rendere il gruppo delle donne un’opera temporanea nei giorni di apertura al pubblico.

Il laboratorio è organizzato come una formazione esperienziale: il materiale narrativo viene raccolto a partire dalle emozioni, dai vissuti delle partecipanti e dalle biografie delle artiste scelte.

buonasera, e a presto dal vivo

 

 

 

 

 

 

 

 

——————-

buon ferragosto 2020

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piezz’ ‘e femmene ci/vi accompagnerà nei mesi estivi in cui il laboratorio LA SCENA DELLE DONNE – percorsi teatrali con le donne a Forcella sarà fermo.

La terza uscita, dal titolo “visioni in movimento” racconta un momento di una giornata di laboratorio fatta a gennaio 2020.

con:
Amelia Patierno, Anna Bani, Anna Liguori, Anna Manzo, Anna Marigliano, Anna Patierno, Antonella Esposito, Flora Faliti, Flora Quarto, Gianna Mosca, Giusy Capuano, Giusy Esposito, Ida Pollice, Iolanda Vasquez, Melina De Luca, Nunzia Patierno, Patrizia Iorio, Rosa Tarantino, Rosalba Fiorentino, Rosetta Lima, Rossella Cascone, Susy Cerasuolo, Susy Esposito, Susy Martino, Tina Esposito

foto: Sara Petrachi / KontroLab
video: Isabella Mari

LA SCENA DELLLE DONNE – percorsi teatrali con le donne a Forcella
è un progetto di Marina Rippa, realizzato con la collaborazione di Fiorella Orazzo, Lucia Borriello e Monica Costigliola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piezz’ ‘e femmene ci/vi accompagnerà nei mesi estivi in cui il laboratorio LA SCENA DELLE DONNE – percorsi teatrali con le donne a Forcella sarà fermo.

La seconda uscita, dal titolo “visioni” è una sequenza di immagini da una giornata di laboratorio fatta a gennaio 2020.

con: Amelia Patierno, Anna Bani, Anna Liguori, Anna Manzo, Anna Marigliano,  Anna Patierno, Antonella Esposito, Flora Faliti, Flora Quarto, Gianna Mosca, Giusy Capuano, Giusy Esposito, Ida Pollice, Iolanda Vasquez, Melina De Luca, Nunzia Patierno, Patrizia Iorio, Rosa Tarantino, Rosalba Fiorentino, Rosetta Lima, Rossella Cascone, Susy Cerasuolo, Susy Esposito, Susy Martino, Tina Esposito

foto: Sara Petrachi / KontroLab

video: Isabella Mari

LA SCENA DELLLE DONNE – percorsi teatrali con le donne a Forcella è un progetto di Marina Rippa, realizzato con la collaborazione di Fiorella Orazzo, Lucia Borriello e Monica Costigliola

MOSTRA MENO